TRADIMENTO!

Eh già, con un nickname come il mio non potevo, presto o tardi, esimermi dall’affrontare l’argomento. Che poi è il secondo tema più trattato nei blog dopo l’amore (non so se classificare il sesso con l’amore o con il tradimento). Tra l’altro trovo il termine tradimento spesso fuori luogo oppure usato a sproposito; cosa vuol dire tradire? e cosa o chi si tradisce? Si possono tradire i propri ideali, si può disattendere (o deludere) la fiducia di qualcuno (si noti che non ho scritto tradire), ma perché dire “tradire una persona” nell’occasione di un flirt o di una relazione sessuale?

Diciamolo francamente e senza finti perbenismi, l’uomo (ma anche la donna) non è portato per la monogamia, questa è solo una convenzione sociale che ci imponiamo. A questo punto sento già alzarsi una vocina stridula ed acida, che mi accusa di fare questo ragionamento solo a mio uso e consumo …ma chissenefrega. Comunque non è mia intenzione disquisire sulla propensione di chicchessia alla promiscuità sessuale, o sulle motivazioni che spingano l’uomo (e la donna) ad avere rapporti extra-relazione, invece intendo solo fare un’analisi della semantica, cioè parlare di aria fritta.

Il reato di tradimento è contemplato in diversi articoli del codice penale, ma non è mai chiamato semplicemente tradimento, vi sono innumerevoli casistiche che sono riassunte sotto la voce Delitti contro la personalità dello Stato. Quindi si tratta di atti gravi contro la collettività o le Istituzioni che la rappresentano; la domanda, a questo punto, è se si possa o meno tradire una persona.

 Certo, nel linguaggio comune usiamo vocaboli e termini nelle loro più ampie e varie accezioni; quindi il verbo “tradire” viene usato anche – e soprattutto direi – riferito ad una persona in occasione di una relazione parallela al di fuori di quella ufficiale. Ma quando dite “mi hai tradito” a cosa vi riferite? Non è una provocazione, mi interessa veramente conoscere la vostra idea. Io credo che il senso di tradimento, o meglio come scrivo sopra di delusione, derivi dal fatto che vengano disattese le aspettative che riponiamo nel nostro partner; allora il “tradimento” non si realizza solo in occasione di un atto sessuale, ma anche in tutte le situazioni in cui il partner riveli un aspetto del carattere o della personalità differenti da quelli sino ad allora palesati. Oppure anche quando inizi ad attuare dei comportamenti (non solo all’interno della coppia, ma in tutta la vita sociale e professionale) difformi dall’usuale, o che vadano in senso opposto alla progettualità iniziale della coppia. Ancora, si può essere “traditi” anche nell’amicizia, o in un rapporto di tipo professionale. In sostanza si potrebbe dire – in senso lato – che vi sia tradimento ogni qual volta gli altri non si comportino come noi ci aspettiamo; ma sono veramente gli altri a modificare i loro comportamenti, o non siamo piuttosto noi ad aver riversato su di loro nostre aspettative immotivate?

Mi sa che stasera mi tradirò da solo, disattendendo i miei propositi di una dieta sana.

Annunci

70 risposte a “TRADIMENTO!

  1. Non è facile in poche righe rispondere alla domanda che fai… avevo iniziato a scrivere, ma poi mi son resa conto che ogni risposta scritta, ne avrebbe aperte altre 1000, e alla fine in fondo per me, tradire si può (a prescindere che si tratti di coppia o di altro) è raffigurabile in: “mentire, ingannare, nascondere, celare, oscurare la verità” a proprio uso personale, spesso a sfavore di altri.

    Forse non è una risposta esaustiva, ma non ne ho altre, il discorsio e ampio e le sfumature milioni.

    Il tradimento e quando tu mi porti via un pezzo di verità, e io senza quel pezzo di verità, farò delle scelte sbagliate, sia di lavoro, sia di amore, sia di quello che vuoi tu.

    Tradire e impedire agli altri la scelta.

    Liked by 3 people

  2. Tradire è quando prometti ma non mantieni. Già il matrimonio è una promessa, un contratto fra due persone. Anche in una semplice relazione ci sono dei taciti accordi di fedeltà, il non rispetto è un tradimento, o no?

    Liked by 2 people

    • Anche tu lo riporti sul discorso della fedeltà.
      Allora facciamo un’ipotesi: io e te siamo sposati (matrimonio tra gay, in questo caso ahahahaha), non ti faccio mancare nulla in nessun campo (attenzioni, affetto, amore, sesso, denaro ecc.) però mi capita di avere una storia (più o meno breve) che non influenza in alcun modo la nostra relazione. Cosa avrei tradito? La fiducia, va bene, ma se tu non lo vieni a sapere e se non cambia nulla nel rapporto neppure la fiducia ne verrebbe intaccata.

      Liked by 1 persona

  3. Sarà anche ignota…. ma magari un herpes te la passa…. 🙂
    Tutte le nostre azioni portano a dei cambiamenti, piccoli o grandi che siano. Anche una scopata potrebbe cambiare i nostri atteggiamenti in un rapporto, dai sensi di colpa a sentimenti accusatori….. qualcosa potrebbe rompersi.

    Mi piace

  4. E’ in buona parte vero ciò che scrivi. Tuttavia, spesso, magari non nel tuo specifico caso, le relazioni si basano sì sulle aspettative personali, ma anche su quelle condivise. Nel senso: se tu prometti impegno e fiducia, dedizione e sacrificio, amore e comprensione ad un’unica persona, facendola sentire il centro di un universo/mondo aperto a soli due individui, e lo fai perché magari ci credi anche tu e commetti il deprecabile errore di non considerare l’incidenza delle circostanze infinite e delle vicissitudini che ti pone davanti la vita in genere, beh, allora per quale motivo la persona defraudata di tale innocente e infantile bellezza non dovrebbe patire il tuo tradimento?

    Mi piace

    • In qualsiasi relazione (anche in quelle professionali) le aspettative sono condivise.
      Inoltre qui abbiamo deviato (tutti) sulle conseguenze di una relazione “extra”; ma la mia domanda verte sul concetto di tradimento in senso lato, e su cosa venga tradito …posto che io non credo si possa tradire una persona fisica, basandomi sulla semantica 😉

      Mi piace

  5. Ma sai, spesso le aspettative vengono scambiate con i desideri, cosa ben più pericolosa, a mio avviso. Il fatto è che me lo chiedo anche io cos’è che si tradisce, in fondo, perché a parte destabilizzare un equilibrio basato su una fiducia cieca, non so davvero cosa potrebbe essere…

    Mi piace

  6. per me tradire, significa tradire la fiducia, che sia andare a letto con un altra persona (io chiedo esplicitamente fedeltà in una relazione) che sia non mantenere un segreto o una promessa.

    Mi piace

  7. Dal latino: tradere composto di tra (oltre) e dare (consegnare). La parola anticamente si usava per indicare la  consegna al nemico, per esempio del  proprio generale, oppure di piani strategici  atti a difendere un territorio. Ma poi il tradimento è  stato applicato ad altre situazioni, tradire un patto, un’amicizia e soprattutto un amore, vuol dire venire meno ad un impegno assunto, in qualsiasi campo. Una pura questione di fiducia.
    Per entrare nello specifico, visto che quando si parla di tradimento immediatamente lo si associa alle corna, nella risposta che dai al Pinza (finalmente avete fatto outing, era ora!) tu dici che se uno è affettuoso,  premuroso con il/la partner, lo circonda di attenzioni e robe varie,  non ci sarebbe niente di male ad avere un flirt fuori pista.  Mio caro, diciamoci la verità,  questa non è altro che una pietosa bugia per giustificarti difronte alla tua coscienza.  Tu sostieni che  non le fai mancare nulla, in effetti le manca proprio la cosa più importante, la tua affidabilità.   Perché è vero che l’essere umano non è fatto per la monogamia ma il segreto di tutto sta proprio nel riuscire  a resistere alle tentazioni ma non solo all’inizio, quando si è sotto l’effetto “ciozza” Ma anche dopo quando si ritorna sulla terra. È lì che il gioco si fa duro. Come fai a fidarti  di una persona che fa il doppio gioco?
    Comunque se tu e il Pinza doveste convolare a giuste nozze vorrei esserci. Sono disposta anche a farti da testimone.

    Liked by 1 persona

    • A mio avviso l’affidabilità si manifesta in altri modi, che non tenendo la cerniera dei calzoni abbottonata (o la gonna abbassata).
      Ma comunque è un discorso lezioso, pura astrazione, anche perché se dovessimo parlare di “corna” entreremmo in un campo infinito di situazioni e varianti.

      Infine la mia coscienza non ha alcun bisogno di giustificazioni o alibi ….dovrei prima averne una 😛

      Liked by 1 persona

      • Rispetto il tuo punto di vista, ma io la penso così.E non ci trovo niente di sdolcinato in quello che ho scritto. Bada bene, non ho scritto che bisogna essere virtuosi a tutti i costi e sono d’accordo nel dire che la monogamia non è per l’essere umano. Però non è impossibile praticarla, anche se il cammino è irto di trappole, questo lo sappiamo tutti. Però è anche vero che se copri di attenzioni sia materiali che affettive la tua compagna e intanto trombi con un’altra, non mi puoi venire a dire che lo fai perché l’ami alla follia. lo fai perché ti senti in colpa? No, hai appena detto che non hai una coscienza e quindi non hai di questi problemi. Allora lo fai perché lei continui a starsene tranquilla convinta che di te ci si possa fidare. Ad una donna appagata in tutti i sensi non verrebbe mai in mente che il suo uomo possa ravanarsi un’altra, quindi ha fiducia in te, mentre tu sei tranquillo perché ti sei parato il culo. Il giorno in cui scoprisse qualcosa, e succede spesso, sarebbe un grosso colpo per lei. E ti assicuro che in quel momento non penserebbe alle attenzioni che hai avuto per lei nonostante la tresca, anzi proprio queste attenzioni la farebbero incazzare come un serpente. Perché profumano tanto di presa per i fondelli.
        Che fare allora? Iniziare una relazione mettendo in chiaro che siamo fatti di carne e quindi possiamo peccare? Ecco magari con una formuletta del tipo “Non ti prometto niente ma ce la metterò tutta per non cadere in tentazione?” Forse sarebbe più onesta, sicuramente più paracula …

        Mi piace

  8. Questa cosa del tradimento io la vedo in altro modo , forse perché ho tradito ( quindi da aguzzino) e sono stata tradita ( da carnefice )
    Quando ho tradito , l’ho fatto consapevole di farlo, mi piaceva, ne ero attratta sia fisicamente che mentalmente ma soprattutto ero attratta dall’idea di me con quella persona, quindi dalla situazione che si sarebbe creata insieme.
    Quando sono stata tradita, ho solo pensato cosa ci fosse in me di sbagliato o di insufficiente per fare in modo che quella persona scegliesse di stare con un’altra persona che non fossi io. E non parlo solo di situazioni sentimentali ma anche e soprattutto di quelle amichevoli. Diciamo che ho pensato piuttosto a cosa non andasse bene in me, ecco.

    Mi piace

Sei convinto di ciò che stai per scrivere?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...