INTERVISTA (IM)POSSIBILE

Copiando da Santuzza mi aggrego al gioco di prendere un’intervista qualsiasi fatta ad altri, e sostituirmi all’intervistato nelle risposte. Avevo scelto inizialmente un regista francese, ma dopo il post sugli orgasmi non potevo che “essere” Rocco Siffredi. Ed ecco l’intervista.

…..Basta osservarlo una volta all’opera per capirlo: Rocco ha qualcosa di speciale che va al di là dei famosi 23 centimetri…… Ride: «È che si è concentrato tutto lì». Invece si sbaglia. La cosa più grande di Rocco è il cuore.

Aveva deciso di mettere la testa a posto e di smettere di recitare nel porno, per passare dietro alla macchina da presa. Ma da lì è iniziato l’inferno.

Per quanto riguarda l’inferno mi associo a chi dice “sceglierei il paradiso per il clima, e l’inferno per la compagnia”. Il sesso che pratico a volte può scivolare nella pornografia, ma le assicuro che non recito mai. Non conosco macchine da presa, semmai la presa per il culo (qualsiasi doppio senso è puramente voluto)

Quando avete iniziato a parlarne?

Di cosa, del sesso? Di quello se ne parla sempre troppo, sarebbe meglio praticarne di più. Se invece parla dello spezzatino di cinghiale, di quello se ne parla almeno da due o tre mesi, ma mi dimentico sempre di scongelarlo, e poiché richiede di macerare nel vino per almeno 24 ore finisce che non lo cucino mai.

Come fa sua moglie ad accettare questo?

Come faceva, semmai. Non ho mai fatto mancare nulla a tutta la tribù che mi portava a pranzo o cena la domenica (in totale sei/sette persone), ed ho sempre  preparato loro piatti degni di un buon ristorante. O almeno così credevo; dici che stiamo divorziando a causa del cinghiale?

Come mai l’attore porno è un mito e l’attrice porno è una mignotta? 

L’attore porno è un mito perché viene pagato per fare quanto tutti noi vorremmo fare: sesso con belle donne. Non che io non abbia (avuto) belle donne, ma prima di tutto non raggiungerei la quantità di un attore porno neppure in dieci vite, e poi non sono mai riuscito a farmi pagare. Per essere una mignotta non occorre recitare in un film,  non me ne vogliano le lettrici che sono – ovviamente – escluse dal novero.

Come ha spiegato ai figli il suo lavoro?

Ai figli di mia moglie, non ne ho di miei. A parte il fatto che ora non ho più neppure la moglie, non è stato facile spiegare tutte le dinamiche della mia attività; alla fine ne ho portato con me uno, dai miei clienti, in modo che vedesse come funziona

 Quali donne preferisce a letto, dopo sua moglie? 

Sarebbe scontato, a questo punto, dire tutte sull’onda dell’ira e della delusione. Diciamo che apprezzo le donne disinibite e  passionali. La bellezza attrae ovviamente, ma come affermo sovente “quando la distanza è inferiore a dieci centimetri” conta meno; diventa più importante il trasporto con cui si faccia.

E sul lavoro, chi è stata la migliore?

Non saprei dire, di venditrici brave ne ho incontrate diverse, ma quelle molto brave erano sempre in altre agenzie. Se parla di sesso, invece,  non ho mai relazioni intime di alcun genere nell’ambito lavorativo; creano solo problemi.

 

 

Annunci

19 risposte a “INTERVISTA (IM)POSSIBILE

  1. Bella intervista….hai superato te stesso!!!

    Domanda n2….tu parli poco di sesso??? Ammazza …e’ il tuo argomento principale..
    ma lo sai che chi piu ne parla meno ne pratica???

    Domanda n 4 …. non ho mai capito questa ingiustizia…l’ uomo gettonato e’ un grande la donna invece ‘na mignotta anche se non si fa pagare….ma vaaaaaaaa

    Domanda n 6..secondo me le fai passare tutte purche’ abbiano una buona carica erotica…o no????…
    mai sentito un uomo che ha rifiutato una donna che gliela metteva sul piatto!!!

    Ahhh sti uomini!

    Mi piace

    • Due precisazioni:
      La mignotta – per me è colei che sfrutta l’uomo per denaro, e non necessariamente attraverso il sesso
      Il rifiuto – nel mio essere “immorale” ho alcune precise regole, ed una di queste è proprio quella di non avere relazioni nell’ambito professionale. Anche se me la offrono su un piatto d’argento 😛

      Mi piace

      • Ecco bravo…..nell’ ambito professionale meglio girare coi paraocchi….altrimenti se le cose prendono una brutta piega si perde l’ amore e pure lo stipendio!!!
        Ciao Fedy….domani vado al mare per due giorni….finalmente 🙂
        Toglimi una curiosita’ …ma un milanese dove va nei fine settimana estivi?

        Mi piace

  2. 1) l’uomo non recita mai. Ho conosciuto solo un mio amico che simulava l’orgasmo. Per info scrivetemi in privato.
    2) il cibo che surgeliamo non deve rimanere troppo tempo nel freezer per accumula una certa carica batterica. Mentre il cibo che compriamo già surgelato è diverso perché i batteri sono già stati abbattuti a una certa temperatura. Qualcosa del genere. Quindi fai sto cazzo di spezzatino prima che venga un caldo torrido!
    3) tua moglie è un’immatura. Ma il mio è solo un giudizio di parte, affrettato e sciocco dato dall’essere tua amica virtuale e quindi totalmente di parte.
    4) sulla domanda tra attore porno = mito e attrice porno = mignotta temo che tu abbia dato una risposta che contiene un vizio di logica formale.
    5) Ecco, mio figlio l’ho portato sul mio posto di lavoro e ci ha anche lavorato da bambino. Ma adesso che lui lavora non mi ha ancora portato nel suo posto di lavoro 😦
    6) la donna passionale a me pare un cliché. Invece io amo gli uomini timidi, impacciati e inibiti. Mi sembra di traviarli.
    7) Ottimo fedi; mai mischiare lavoro e sentimenti. io lo faccio di continuo con esiti nefasti (e non parlo di sesso!)

    Mi piace

  3. ehm… mi spiega santuzza che cappero di batteri si sviluppano nel congelatore?

    Io, che pur essendo strega, sono ingenua, non avevo capito che ti stavi separando… Mi spiace Fedi.

    Per il resto… credo di pensarla come te. A parte la differenza tra donne e uomini. Mignotte come le definisci tu… vabbé. Ma le altre? Quelle semplicemente libere… si beccano sempre dei terribili appellativi, gli uomini mai.
    Non esiste l’equivalente maschile di puttana… Non l’ha trovato nemmeno un mio amico, che puttana è stato per un po’…

    Mi piace

Sei convinto di ciò che stai per scrivere?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...