POLIS e POLYS

In greco i due termini Polis e Polys sono assonanti, ed hanno anche significati che si avvicinano tra di essi; il primo indica la città stato, ed è la radice della parola politica, il secondo indica una moltitudine (la città, in effetti è formata da una moltitudine) ed è radice del termine politeama.

Ordunque, cosa hanno in comune politica (arte o scienza del governo ed amministrazione dello stato) con politeama (teatro destinato a spettacoli di vario genere)? Io direi che sono la medesima cosa, se dovessi giudicare solo dal teatro che si è fatto ieri in Parlamento (sono stato dubbioso sull’utilizzo della maiuscola) durante una votazione osteggiata da una minoranza. Ovviamente se tra spettacoli di vario genere includiamo anche quello indegno a cui abbiamo assistito.

Non mi interessa entrare nel merito di ragioni o motivazioni, quanto rifiuto sono metodo ed esempio civico. Quei cialtroni che si lasciano andare ad atteggiamenti più consoni ad una lite per viabilità o a una rissa da stadio, dimenticano cosa dovrebbe rappresentare il luogo per la cui frequentazione sono anche profumatamente pagati; e se ne infischiano bellamente anche dell’alto esempio che danno ai nostri giovani. Inoltre scordano un principio fondamentale della democrazia, ovvero che decide una maggioranza a cui un’altra minoranza si deve adeguare; è lecito proporre le proprie idee ed il proprio disaccordo, per cui può accadere di essere preda di foga ed irruenza, ma per quanto contrariati si possa essere pretendere di fermare o ribaltare con la forza un processo democratico è un esempio di violenza inaccettabile.

Certo il nostro non è l’unico Parlamento di cui vediamo immagini solo apparentemente divertenti (io non riesco a ridere), ma essere accomunati ad alcune repubbliche il cui nome finisce in -an o a stati del sud-est asiatico non lo trovo consolante né edificante. Eccheccazzo!

Annunci

3 risposte a “POLIS e POLYS

  1. Ma dai!!! E poi sono andati avanti ….vedendo le scene in TV (ha ragione Grillo ad essere ostile verso i giornalisti, fanno vedere quanto lui non vorrebbe) mi sembra di essere tornato ai tempi della contestazione studentesca.
    Con la differenza che questi hanno qualche anno in più degli studenti delle superiori, e dovrebbero avere anche un po’ più di intelligenza e preparazione. Io non amo particolarmente le scuole politiche di partito (quale che sia) ma prendere il primo pirla dalla strada e mandarlo in Parlamento non lo considero uno svecchiamento della politica, ma solo stupida e dannosa demagogia.

    Mi piace

Sei convinto di ciò che stai per scrivere?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...